I linguaggi della città sono molteplici: parlati, scritti, disegnati, espressi attraverso il racconto toponomastico, i caratteri alfanumerici delle sue epigrafi, degli epitaffi e delle lapidi celebrative, tramite le forme stilistiche delle sue architetture, le tipologie del suo costruito, l’altezza dei suoi fabbricati e la larghezza delle sue strade, il fluire dei suoi traffici e l’intensificarsi delle relazioni che la rendono  un “organismo vivente” dotato di corpo e di anima, di forma ed essenza, di materia e di spirito. Un organismo che vive in un contesto paesistico, ambientale e territoriale che concorre a definire,  in dialettica concorrenza - conflittualità con la natura, alla quale sottrae spazio ma addiziona cultura, ed il confronto linguistico che ne deriva si rende interprete  del percorso della civiltà.

Pubblicato: 2013-07-08

Editoriale

Recensioni

Studi, Piani e Progetti

Dibattiti, convegni, interviste e conferenze

Iniziative accademiche di rilevante interesse