TRIA 01 (giugno 2008)

Il primo numero di “TRIA” affronta il problema della “comunicazione” e significativamente pone al centro della sua trattazione il PONTE nella pluralità delle sue accezioni materiali, metaforiche e simboliche.

Il PONTE è prospettato come l’anello vitalizzante la catena che collega l’essere al divenire, elemento di ricucitura delle discontinuità, delle separatezze, delle differenze sociali, spaziali e temporali.

“Il PONTE – infrastruttura” garantisce la continuità spaziale, materializzandosi come espressione di sapere scientifico sino a divenire “opera d’arte” nella manualistica costruttiva, anche indipendentemente dalla elevata qualità progettuale che manifesta.

Esso determina la naturale convergenza di due discipline quali l’architettura e l’ingegneria unificando, in termini progettuali, i parametri estetici e quelli strutturali, ma coinvolge anche le discipline della terra quali la geografia e la geologia che ne garantiscono ambientamento e fattibilità; il tutto a valle di una decisione politica che lo commissiona e di una pianificazione urbanistica che gli attribuisce localizzazione, funzione e carattere fruitivo.

Pubblicato: 2012-08-02

Editoriale

Articoli

Recensioni

Dibattiti, convegni, interviste e conferenze

Iniziative accademiche di rilevante interesse