Paesaggi naturali ed antropici nei Campi Flegrei: relazioni tra identità e potenzialità per lo sviluppo sostenibile

  • Paolo Camilletti Università degli Studi Federico II di Napoli
  • Gianluca Lanzi
Parole chiave: Paesaggi costieri, vulcanismo, patrimonio culturale, infrastrutture blu e verdi

Abstract

Questo contributo si propone di evidenziare le relazioni peculiari tra fattori naturali e antropici che hanno modificato il paesaggio dei Campi Flegrei a partire dai primi insediamenti greci e romani fino all’epoca attuale. Il dinamismo di questo paesaggio è dovuto principalmente al vulcanesimo, di cui il bradisismo è il più noto fenomeno ivi manifestatosi. Inoltre, il mare e, più in generale, l’acqua hanno avuto un ruolo notevole nel plasmare tale territorio. L’identità mediterranea caratterizza fortemente questa zona costiera, che nel tempo ha attirato nobili, artisti, scienziati e turisti.
La ricerca si concentra su tre comuni: Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida. Le loro analisi mostrano molte similitudini in termini ambientali, culturali, paesaggistici e urbani. Infine, una panoramica dei punti di forza e di debolezza dell’area di studio fornisce la base per il disegno di un’infrastruttura verde-blu flegrea intesa come mezzo per riconnettere il patrimonio culturale con il paesaggio e per incentivare il suo sviluppo sostenibile.



Downloads

Download data is not yet available.

Riferimenti bibliografici

Agnoletti, M. (2014), ed. by, Paesaggi rurali storici/Historical rural landscapes, Touring Ed. , Milano

Arata F. P. (2014), La navigabilis fossa di Nerone, in Mélanges de l’École française de Rome – Antiquité, 126 (2014), 1

Austin G. (2014), Green Infrastructure for Landscape Planning: Integrating Human and Natural Systems, Routledge, London

AA.VV. (2000), Il Paesaggio Italiano, Touring Ed. , Milano

Barberi F., Cassano E., La Torre P. and A. Sbrana (1991), Structural evolution of Campi Flegrei caldera in light of volcanological and geophysical data, Journal of Volcanology and Geothermal Research, 48, 1–2/August 1991, pp. 33-49

Cardone V. and L. Papa (1993), L’identità dei Campi Flegrei, Cuen, Napoli

Dinetti M. (2000), Infrastrutture ecologiche, Il Verde Editoriale, Milano

Forte F. (2003), ed. by, Il ruolo delle aree metropolitane costiere nel Mediterraneo, edited by Francesco Forte, Alinea, Firenze

Forte F. (2006), Politiche urbane, Napoli: storie, bisogni, opportunità, INU Edizioni, Roma

Fraticelli V., Mariniello A. F., Picone L., Piemontese A. and Scarano R. (2009), Bacoli e Monte di Procida, edited by Luigi Picone, Massa Editore, Napoli

Landini P. (2006), Atlante Geografico Italia, Touring Ed. , Milano

Marcarini A. (2014), “La Piscina Mirabilis” in Tesoro Italia. Il patrimonio negato, edited by Anna Ferrari-Bravo, Touring Ed. , Milano, pp.204-207

Miano P., Izzo F. and L. Pagano (2017), ed. by, I Campi Flegrei. L’architettura per i paesaggi archeologici, Quodlibet, Macerata

Motti R., Maisto A., Migliozzi A. and S. Mazzoleni (2004), Le trasformazioni agrarie del paesaggio agricolo e forestale dei Campi Flegrei nel XX secolo, Informatore Botanico Italiano, 36 (2), pp.577-583

Moccia F. and B. Scalera (2017), “UIA and the MAC project: green city and multi-ethical connections for Monteruscello neighbourhood. Pozzuoli case study”, Tria, 18, 01/2017, Naples, pp.173-186

Musi A. (2010), Regno di Napoli, Omnia Arte, Napoli

Norberg-Schulz C. (1979), Genius Loci, Electa, Milano

Paget R.F. (1968), The ancient Ports of Cumae, The Journal of Roman Studies, 58, Parts 1-2, pp.152-169

Picone L. (2009), La costa sul Golfo di Napoli-The coast of the Bay of Naples, Massa Editore, Napoli

Piscopo C. and P. Scala (2012), Building the landscapes of Monte di Procida, IJPP - Italian Journal of Planning Practice, Vol. II, issue 1 – 2012, pp.71-92

Sereni E. (1961), Storia del paesaggio agrario italiano, Laterza, Bari

Sirpettino M. (1999), I Campi Flegrei. Guida storica, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli

Pubblicato
2018-09-05