Linearità balneari informi

  • Claudio Zanirato University Federico II of Naples
Parole chiave: Balneazione, panorama, paesaggi, linearità, identità

Abstract

La “linearità balneare” è un’indefinitezza tutta densamente costruita, in quanto margine delle città storiche limitrofe e centro delle nuove conurbazioni, è così che ci appare, come una forma di paesaggio a sé stante. L’analisi degli impianti urbanistici delle città balneari, dei pochi pianificati e dei tanti spontanei, induce ad una serie di considerazioni su come, a pressoché uguali condizioni insediative, la linea di costa, si sia pervenuti a soluzioni urbane più differenti, che ne rendono riconoscibili i tratti ad una visione più attenta (fig.1).
Questa lettura è la sintesi soprattutto di un progetto fotografico molto lungo, che ha percorso lo spazio lineare delle città balneari italiane per più di vent’anni, con l’intento di coglierne le connotazioni più significative dei nostri tempi e le peculiarità dei singoli tratti, di ogni località attraversata: dal mare guardando il fronte urbanizzato e da questo verso l’orizzonte azzurro, da Trieste a Pescara, senza soluzione di continuità, ed altri tratti del Mediterraneo.
Documentano come il paesaggio costiero si è adattato per trasformarsi in città balneari, in tutte le sue possibili e residue declinazioni. Le riprese fotografiche dei vari luoghi visitati, distanziate nel tempo, colgono anche il cambiamento lento e continuo che conquista quella innata resistenza alla permanenza, propria di questi paesaggi mutevoli. Pertanto testimoniano anche il cambiamento in essere della cultura balneare italiana, oggi più che mai.1

Downloads

Download data is not yet available.

Riferimenti bibliografici

AA. VV., 2002, La città balneare, IUAV giornale d’istituto, n.11, Grafiche Venerziane, Venezia

AA. VV., 2004, La costa italiana, d’Architettura, n. 24, Motta Editore, Milano

Balducci V, Orioli V., 2013, Spiagge urbane, Mondadori Bruno, Milano,

Battilani P., 2009, Vacanze di pochi, vacanze di tutti. L’evoluziuone del turismo europeo, Franco Angeli, Milano,

Berrino A., 2011, Storia del turismo in Italia, Il Mulino, Bologna

Bonomi A. (a cura di), 1999, Il distretto del piacere, Bollati Boringhieri ed., Torino

Coccia L., a cura di, 2012, Architettura e turismo, Franco Angeli, Milano

Corbin A., 1990, “L’invenzione del mare”, Marsilio, Venezia.

Corsini B., 2004, L’impresa balneare. Storia, evoluzione e futuro nel turismo del mare, Hoepli, Milano

Farina F., 2001, “Architetture balneari della Belle Epoque tra Europa e Americhe”, Federico Motta, Milano.

Gray F., 2006, Designing the Seaside, Reaktion, London

Mattighello D, 2012, Struttura ed evoluzione di uno spazio collettivo. L’invenzione della spiaggia fra iconografia ed identità, in Villari A., Arena M. A. (a cura di), PAESAGGIO 150, Aracne, Roma

Magnaghi A., 2010, Il progetto locale, Bollati Boringhieri, Torino

Massa M., a cura di, 2005, Passeggiate lungo molti mari, Maschietto e Musolino, Firenze

Merlini C., 2009, Cose/viste. Letture di territori, Maggioli, Rimini

Morazzoni M., a cura di, 2003, Turismo, territorio e cultura, De Agostini, Novara

Orioli V., 2012, Milano Marittima 100. Paesaggi e architetture per il turismo balneare, Bruno Mondadori Editore, Milano-Torino

Perulli P., 2009, Visioni di città. Le forme del mondo spaziale, Einaudi, Torino

Séclier P., Pasolini P.P., 2005, La lunga strada di sabbia, ed. Contrasto, Roma

Toulier B., 2010, Villégiature des bords de mer, Editions du Patrimoine, Paris

Vespasiani S., 2014, Città stagionali. Rigenerazione urbana oltre il turismo, Franco Angeli, Milano

Zanirato C., 2014, Into Sand City, Pamphlet, Bologna

Zardini M., a cura di, 2006, NOMARE.Nascita e sviluppo della Metropoliriviera, Editrice Compositori, Bologna

Pubblicato
2018-09-05