Coste: rifacimenti

  • Claudio Zanirato University Federico II of Naples
Parole chiave: bagnarsi, insediarsi, ri-naturalizzare, scenari, ecologie

Abstract

Lo scenario balneare è cambiato nella sua storia plurisecolare almeno quattro volte: l’individualità delle cabine trainate in acqua, le piattaforme galleggianti, i moli attrezzati ed infine l’urbanizzazione della spiaggia. Con modi sempre più invadenti, dalla ricerca di un rapporto con il paesaggio naturale (fig.1) si è passati al suo annullamento ed alla sua sostituzione con il paesaggio artificiale della città. Non è da escludere a breve l’impostazione di un quinto scenario, riconciliatore, una mediazione tra le parti, tra paesaggio naturale e artificiale, tra le popolazioni stanziali ed occasionali, tra residenti e turisti. Cos’è rimasto oggi di tali evoluzioni storiche di scenari? Quali tracce possiamo ancora riconoscere riconducibili a modi differenti di vivere la balneazione del passato?  La libertà solitaria dei primi bagni “cabinati” la possiamo associare a quella di piantare un ombrellone in una spiaggia libera. Le piattaforme galleggianti ormeggiate nei porti sono rieditate dalle piscine sui lungomari. Dei moli attrezzati sopravvivono alcune eccezioni diventate monumentali o sostituiti da spartane dighe foranee. Gli iniziali intenti terapici si sono ben presto trasformati in mondanità; si è dapprima enfatizzata la salutare vita all’aria aperta e subito dopo ci si è fatti conquistare dalle sregolatezze dei balli e delle feste. Ora sembrano farsi strada le occasioni di incontro e di cultura.

Downloads

Download data is not yet available.

Riferimenti bibliografici

AA. VV., 2002, La città balneare, IUAV giornale d’istituto, n.11, Grafiche Venerziane, Venezia

AA. VV., 2004, La costa italiana, d’Architettura, n. 24, Motta Editore, Milano

Balducci V, Orioli V., 2013, Spiagge urbane, Mondadori Bruno, Milano,

Berrino A., 2011, Storia del turismo in Italia, Il Mulino, Bologna

Bonomi A. (a cura di), 1999, Il distretto del piacere, Bollati Boringhieri ed., Torino

Coccia L., a cura di, 2012, Architettura e turismo, Franco Angeli, Milano

Corsini B., 2004, L’impresa balneare. Storia, evoluzione e futuro nel turismo del mare, Hoepli, Milano.

Mattighello D, 2012, Struttura ed evoluzione di uno spazio collettivo. L’invenzione della spiaggia fra iconografia ed identità, in Villari A., Arena M. A. (a cura di) PAESAGGIO 150, Aracne, Roma

Magnaghi A., 2010, Il progetto locale, Bollati Boringhieri, Torino

Marrone G., 2011, Addio alla natura, Einaudi, Torino

Massa M., a cura di, 2005, Passeggiate lungo molti mari, Maschietto e Musolino, Firenze

Merlini C:, 2009, Cose/viste. Letture di territori, Maggioli, Rimini

Morazzoni M., a cura di, 2003, Turismo, territorio e cultura, De Agostini, Novara

Orioli V., 2012, Milano Marittima 100. Paesaggi e architetture per il turismo balneare, Bruno Mondadori Editore, Milano-Torino

Séclier P., Pasolini P.P., 2005, La lunga strada di sabbia, ed. Contrasto, Roma

Vespasiani S., 2014, Città stagionali. Rigenerazione urbana oltre il turismo, Franco Angeli, Milano

Zanirato C., 2012, Luoghi e connotazioni, Pamphlet, Bologna

Zanirato C., 2014, Into Sand City, Pamphlet, Bologna

Zardini M., a cura di, 2006, NOMARE.Nascita e sviluppo della Metropoliriviera, Editrice Compositori, Bologna

Pubblicato
2018-08-25