Il paesaggio costiero portuale: nuove opportunità turistiche e sfide per un’energia pulita.

  • Celestina Fazia
  • Maurizio Francesco Errigo
Parole chiave: Paesaggio costiero, Ambiente fragile, sviluppo turistico, gestione urbana

Abstract

L’articolo propone diversi spunti di riflessione su alcune questioni che attengono allo stato dei paesaggi costieri portuali, suggerendo nuove opportunità di sviluppo e sfide per un’energia pulita legando l’aumento della competitività del sistema portuale e interportuale al potenziamento di infrastrutture portuali e all’adeguamento ai migliori standard energetici. Il testo propone una disamina di alcuni interventi progettuali sui territori costieri, uno olandese e l’altro italiano, selezionati per il loro grado di innovazione e di sinergia rispetto  a  strumenti strategico-territoriali che presentano potenziali ricadute positive e lungimiranti sul territorio e sul settore infrastrutturale/produttivo e turistico. Nello specifico, vengono illustrati quelli che interessano la fascia costiera di Rotterdam  con annessi interventi per l’ alimentazione elettrica onshore e quelli relativi al nuovo piano dei porti turistici regionale e dei nuovi approdi turistici del Lazio. In particolare viene presentata la Vision 2030 per il porto di Rotterdam, il progetto di ampliamento Maasvlakte II e il nuovo progetto di portualità turistica laziale.
Il progetto del porto è un progetto infrastrutturale, trasportistico e produttivo che deve assumere -anche a causa del forte impatto in termini paesaggistici/ambientali-, una valenza strategica/territoriale per controbilanciare eventuali effetti “collaterali”: deve attivare nuove opportunità di sviluppo turistico e affrontare sfide nuove  per  produrre sempre più energia da fonte rinnovabile (Rotterdam è un esempio), deve diventare l’ interfaccia privilegiata delle reti di trasporto terrestri, migliorando i collegamenti intermodali e diventando luogo di scambio commerciale a forte potenzialità di crescita e di attrazione turistica (il sistema dei porti laziali).
La portualità turistica è anche contenuta nella prospettiva della Vision 2030: i casi di studio olandesi e italiani sintetizzano le questioni:  il caso di Rotterdam è significativo per la visione strategica di sviluppo da compiere passando attraverso  il controllo delle prestazioni ambientali, il caso studio dei porti laziali propone una visione di sviluppo transcalare, da perseguire attraverso l’idea di sistema. Secondo le due visioni congiunti, il porto deve essere riconfigurato come nodo strategico del sistema territoriale e parte attiva di un processo di efficientamento energetico/ambientale. Deve essere inoltre  opportunamente inquadrato all’interno di nuovi strumenti di pianificazione territoriale  che prevedano e ottimizzino il rapporto tra le  infrastrutture costiere e marine nascenti ed il progetto urbano, di paesaggio e di valorizzazione turistica.

Downloads

Download data is not yet available.

Riferimenti bibliografici

Braudel F. (2005), Il Mediterraneo - Lo spazio la storia gli uomini le tradizioni, Tascabili Bompiani, Milano.

Camarda G. (1989), Il disegno di legge sui sistemi portuali, in Porti, mare, terr., 1989, 41 ss. e in Autonomie e dir., 1989, 265 ss.

Chelleri L., Schuetze T. (2011)., Climate adaptive urban design with water in Dutch polders, in Water Science et Technology.

CIPE (2014), Iniziativa di studio sulla portualità italiana. Luglio.

EuroMed Transport Forum (2015), Regional Transport Action Plan for the Mediterranean Region (RTAP) 2014-2020.

European Commission (2008), Establishing a Framework for Community Action in the Field of Marine Environmental Policy (Marine Strategy Framework Directive). Office for Official Publications of the European Communities, Luxembourg.

Fonti L. (2010), Porti – città – territori. Processi di riqualificazione e sviluppo, Alinea, Firenze.

Informest (2013)., I porti marittimi e la logistica in Italia, MEF 2013.

ISFORT (2013); 10° Rapporto sulla mobilità in Italia.

Legambiente (2013), Il consumo delle aree costiere italiane. La costa laziale da Minturno a Montalto di Castro: l’aggressione di cemento e i cambiamenti di paesaggio, Luglio.

Meyer H., Nijhuis S., Bobbink I. (2010). Delta Urbanism: The Netherlands, Techne press Materdam.

Metz T., Van den Heuvel M. (2012). Sweet & Salt: water and the dutch, NAi Publisher, Rotterdam.

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (2012), “Il Diporto nautico in Italia”.

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (2013), Il diporto nautico in Italia, anni 2005-2013.

Moraci F., Fazia C. (2013). Le città smart e le sfide della sostenibilità. TeMA Journal of Land Use, Mobility and Environment, 2013, Vol. 6, n. 1, pp 35-45.

Moraci F., Fazia C. (2013). Impacts of renewable energy on landscape. Alternative of offshore wind in marine areas. TRIA International Journal, 2013, n. 11, pp. 145-156.

Osservatorio Nautico Nazionale, Rapporto sul Turismo Nautico n°4, anno 2013 (www.osservatorio nautico.org)

Pellegrino F. (2008), L’ambito portuale ed i piani regolatori portuali, Rivista giureta, Vol. VI, Palermo.

Regione Lazio (2011), Linee guida del Piano regionale della Mobilità, dei trasporti e della Logistica, marzo.

Soriani, S., (a cura di) (2002), Porti, città e sistema costiero, Il Mulino, Bologna.

Troin J. F. (1997), Le metropoli del Mediterraneo-città di frontiera, città cerniera, Jaca Book, Milano

Viola, P., Colombo E. (2010), Porti turistici. Approccio multidisciplinare per una strategia progettuale integrata, Dario Flaccovio, Palermo.

Pubblicato
2018-08-25