Immagine di copertina

Etica pubblica e spazio urbano

Sergio Brancaccio

Abstract


Napoli, quale luogo nodale dello sviluppo e delle relazioni umane dovrà scegliere fra il privilegiare  beni relazionali: amicizia, scambi culturali, possibilità di moto, sport, presenza del verde, ecc. o beni che affermano “rendite di posizione” : dimensione e qualità delle abitazioni, possesso di beni mobili, auto ecc. per tendere ad un modello che nelle società avanzate vede in contrasto l’aumento del reddito con l’acquisizione del benessere . Conservazione  e rigenerazione  della fabbrica della città dipendono dagli orientamenti culturali che i cittadini hanno maturato a partire dai grandi ideali  sociali di giustizia, libertà e partecipazione democratica; i termini sono altresì collegati alle scelte tra  libero mercato ed “economia civile” quale prassi che dovrebbe mirare al benessere collettivo riservando al linguaggio etico uno spazio di rinnovato protagonismo.

Keyword


città; etica pubblica; spazio urbano

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.6092/2281-4574/1841

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunina-11012

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
I cookie utilizzati servono al corretto funzionamento del sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookie.
Per maggiori informazioni.


Direttore scientifico responsabile: Mario Coletta - Condirettore: Antonio Acierno| electronic ISSN 2281-4574 | © 2008 | Registrazione: Cancelleria del Tribunale di Napoli, n° 46, 08/05/2008 | Rivista on line realizzata con Open Journal System e pubblicata dalla FedOA (Federico II Open Access) Press dell'Università degli Studi Federico II di Napoli