Immagine di copertina

Corpi, Spazi, Voci, Silenzi

Donatella Mazzoleni, Pietro Vitiello

Abstract


Una buona architettura dovrebbe poter consentire non solo qualità funzionale, formale e tecnica agli spazi urbani, ma anche che la voce di una città possa essere percepita, ascoltata, goduta.

Ogni città ha la sua specifica identità sonora, o “ISO” (R.O.Benenzon), fatta di una tessitura complessa di rumori di fondo e di fluttuazione di figure sonore che emergono e scompaiono in un gioco di continue dissolvenze. Ad esempio, l’ISO della città di Napoli è caratterizzato da un bisogno diffuso di sentire il ritorno sonoro delle proprie e delle altrui voci, da un odio del silenzio. Le città possono ammalarsi: della malattia del rumore, nei quartieri sovraffollati, o della malattia del silenzio, nell’isolamento forzato delle periferie. La proposta di una musicoterapia urbana indica una inedita e innovativa via di ricerca interdisciplinare allargata, in cui far confluire architettura, musica, medicina, psicologia, scienze della comunicazione, al fine di lavorare al riequilibrio degli spazi e della vita di relazione della collettività urbana, attraverso la cura delle dimensioni del corpo e del suono.


Keyword


voci; architettura; musica

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.6092/2281-4574/1839

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunina-11004

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
I cookie utilizzati servono al corretto funzionamento del sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookie.
Per maggiori informazioni.


Direttore scientifico responsabile: Mario Coletta - Condirettore: Antonio Acierno| electronic ISSN 2281-4574 | © 2008 | Registrazione: Cancelleria del Tribunale di Napoli, n° 46, 08/05/2008 | Rivista on line realizzata con Open Journal System e pubblicata dalla FedOA (Federico II Open Access) Press dell'Università degli Studi Federico II di Napoli