Edizione digitale di fonti diplomatiche: esperienze, modelli testuali, priorità

Main Article Content

Michele Ansani

Abstract

L'impiego di standard digitali per la codifica testuale (per esempio XML o TEI) ha realmente significato un progresso nel metodo scientifico e nell'edizione dei documenti diplomatici? Negli ultimi anni è cresciuta al riguardo una certa fiducia, soprattutto fra i giovani studiosi, ma la concreta pratica delle edizioni e la relativa progettazione non pare abbia finora mantenuto le promesse. In questo contributo sono fissati alcuni punti circa il contesto e la specificità di questo tipo di documentazione, allo scopo di restituire una corretta dimensione al significato e all'utilità delle edizioni digitali.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Ansani, M. (2006). Edizione digitale di fonti diplomatiche: esperienze, modelli testuali, priorità. Reti Medievali Rivista, 7(2), Art. #1. https://doi.org/10.6092/1593-2214/140
Sezione
Interventi