Nomi di popoli, natura dei popoli. Note a margine di alcune cronache lombarde (1494-1530 circa)

Main Article Content

Letizia Arcangeli
https://orcid.org/0000-0002-4245-8525

Abstract




Il trentennio delle prime guerre d’Italia (1494-1530 circa) portò nella penisola e con particolare intensità in Lombardia sovrani e popoli (o meglio eserciti) di diverse etnie, stimolando tra intellettuali, diplomatici, uomini di stato, storici e letterati riflessioni comparative sulle loro forme di governo, regimi fiscali, istituzioni, usanze e “natura”. Col presente contributo si è tentato di vedere se e come questi temi circolavano a un livello culturale e sociale meno elevato e meno specializzato, esaminando in questa prospettiva sei tra cronache e storie lombarde in volgare, opera di autori (in ordine di anzianità Giovan Pietro Cagnola, Bernardino Corio, Ambrogio da Paullo, Antonio Grumello, Giovanni Andrea Prato, Gian Marco Burigozzo) non omogenei tra loro per cultura e per status, ma comunque non intellettuali “professionisti”, constatando per- lomeno da parte delle due figure più colte e legate alla corte, Cagnola e Corio, una compiuta tendenza alla naturalizzazione del politico.




Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
Arcangeli, L. (2020). Nomi di popoli, natura dei popoli. Note a margine di alcune cronache lombarde (1494-1530 circa). Reti Medievali Rivista, 21(1), 377-407. https://doi.org/10.6092/1593-2214/6725
Sezione
Saggi in Sezione monografica